Nuova norma per la pulizia di canne fumarie

Buongiorno dal Blog OnlyRent!

Come ben sapete noi della OnlyRent ci occupiamo di noleggio di piattaforme aeree autocarrate (da 14 fino a 40 mt), semoventi, ragno, pantografi e furgoni jumpy, jumper, ducato maxi e cassonati con gru in tutta Palermo e provincia.

Oggi parleremo della nuova norma nazionale UNI 10847:2017 che tratta le linee guida e le procedure di pulizia delle canne fumarie e per apparecchi alimentati con combustibili liquidi e solidi.

Chi redige e approva queste norme?

E’ il Comitato termotecnico italiano energia e ambiente, acronimo CTI, è un’associazione senza fine di lucro, avente il compito di svolgere l’attività normativa nei settori della termotecnica e della produzione e utilizzazione di energia termica, e delle relative implicazioni ambientali.

fonte wikipedia

Scopriamo di più.

La norma “Pulizia di sistemi fumari per generatori e apparecchi alimentati con combustibili liquidi e solidi – Linee guida e procedure“, che ritira e sostituisce la norma UNI 10847:2000, stabilisce i criteri e le procedure da adottare per realizzare un efficace intervento di pulizia, compreso il successivo controllo, dei sistemi fumari asserviti a generatori di calore e apparecchi alimentati con combustibili liquidi e biocombustibili solidi. La pulizia del generatore è esclusa dal campo di applicazione della norma.

Ecco qui di seguito un esempio di sostituzione e pulizia di canna fumaria per un edificio residenziale con l’ausilio della piattaforma aerea Only Rent noleggiata a Palermo.

 

Bonus Sicurezza come funzionano le agevolazioni?

Buongiorno dal Blog OnlyRent!

Come ben sapete noi della OnlyRent ci occupiamo di noleggio di piattaforme aeree autocarrate (da 14 fino a 40 mt), semoventi, ragno, pantografi e furgoni jumpy, jumper, ducato maxi e cassonati con gru in tutta Palermo e provincia.

 

Tra i nostri affezionati clienti molto spesso troviamo aziende che necessitano del noleggio delle nostre piattaforme aeree per installazione di sistemi di videosorveglianza per negozi o abitazioni, è per questo che dedichiamo il nostro articolo del Blog al Bonus di Sicurezza per l’anno 2016 e 2017.

Il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate ha stabilito che il Bonus Sicurezza per chi ha installato sistemi di sicurezza nelle proprie abitazioni o sottoscritto contratti con istituti di vigilanza nel 2016 inoltrando la domanda di sgravio nel periodo che va dal 20 febbraio al 20 marzo, ammonterà al 100%

Diamo uno sguardo alle agevolazioni portate dal Bonus Sicurezza per l’anno 2016 e per l’anno 2017:

 

Anno 2016

L’intera spesa sostenuta dai cittadini che hanno effettuato installazioni di sistemi di video sorveglianza e allarmi o hanno ingaggiato istituti di vigilanza per prevenire atti criminali verrà agevolata.

Da dove deriva la quota del bonus? La quota deriva dal rapporto tra l’ammontare delle risorse stanziate (che risultano essere circa 15milioni di euro) e il credito di imposta.

Da questo si può dedurre che la totalità dell’agevolazione sia tale (100%) perchè le richieste sono state molto poche.

Il credito d’imposta può essere utilizzato in compensazione presentando, attraverso i servizi telematici dell’agenzia delle Entrate, il modello di pagamento F24. Il codice tributo da inserire nella sezione “Erario”, colonna “Importi a credito compensati”, è 6874. L’Agenzia delle Entrate farà dei controlli (automatizzati) su ogni modello F24 ricevuto, e avvisa:

“Nel caso in cui il contribuente non abbia validamente presentato l’istanza di attribuzione del credito d’imposta, oppure qualora l’importo del credito utilizzato in compensazione risulti superiore all’ammontare del credito spettante (…), il modello F24 è scartato. Lo scarto è comunicato al soggetto che ha trasmesso il modello F24, tramite apposita ricevuta consultabile sul sito internet dell’Agenzia delle entrate”.

Anno 2017

 

Nell’anno in corso la possibilità di accedere al credito di imposta è terminata, ma per chi voglia comunque mettere in sicurezza la propria casa c’è la possibilità di accedere alle agevolazioni fiscali che permettono una detrazione Irpef del 50% in 10 anni per quasi tutti i tipi di interventi.

Per consultare quelli che rientrano nell’agevolazione ecco la guida completa dell’Agenzia delle Entrate.

 

 

fonte ediltecnico